Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

Studio Dentistico Protesi Parodontologia Implantologia Ortodonzia

6 Cose da sapere sulla salute orale dei bambini.

È molto importante prevenire le carie dei bambini fin da piccolissimi curando i denti da latte. Anche se destinati a cadere, hanno un ruolo fondamentale per la corretta crescita dei denti definitivi, vediamo allora tutto quello che bisogna sapere per la perfetta igiene orale dei nostri bambini. 

 

Quanto nascono i denti nei bambini?
Intorno alla settima settimana di gestazione si formano i germi. Alcuni neonati possono venire al mondo già con uno o due dentini formati ma normalmente i primi denti compaiono intorno ai 3/6 mesi di vita.  I 20 denti da latte o denti decidui dovrebbero completarsi tutti entro i 2 anni e 6 mesi e iniziare a cadere verso i 6 anni. La prima serie di molari spunta intorno a 6 anni, la seconda serie a 12 anni.

 

Quanto è importante il calcio e quanto dovrebbe assumerne?
Il calcio aiuta i denti a crescere sani e forti, per questo i bambini dovrebbero assumerlo almeno una volta al giorno. La dose giornaliera consigliata è di circa tre porzioni di latte, ciascuna di 100 ml;  valide alternative possono essere yogurt e formaggi 

Quando cominciare a lavare i denti?

Dopo il terzo anno di età i bambini possono essere in grado di lavarsi autonomamente i denti, ma fino a quell'età bisogna aiutarli mostrandogli i corretti movimenti. Vediamo allora come fare: il genitore dovrà posizionarsi dietro al bambino, davanti allo specchio del bagno, in modo che lui possa vedere quello che fate. Mostrategli lo spazzolamento con movimenti circolari, e non fategli risciacquare subito la bocca, così facendo non laverete via il fluoro appena depositato.  Oppure il genitore può pulire i denti al bambino in un luogo insolito, per esempio mentre il bambino guarda la televisione o ascolta la sua canzoncina preferita: è infatti importante che il piccolo associ il momento dell’igiene orale a qualcosa di piacevole. Questo va ripetuto un paio di volte al giorno. La scelta dello spazzolino dei più piccoli deve ricadere su testine morbide, ma principalmente deve piacere a loro, così che si possano divertire! Dai quattro anni in su è possibile usare spazzolini elettrici.

  

Quale dentifricio scegliere?
Il fluoro è l’elemento fondamentale, bisogna controllare le dosi presenti nel dentifricio. Sotto i sei anni, usate una quantità inferiore a 1000 ppm (parti per milione). Dai sei anni in poi, scegliete 1350ppm-1,500 ppm. È bene non esagerare con le dosi, non coprire tutta la setola dello spazzolino, come fanno nelle pubblicità: basta utilizzarne, al massimo, una quantità equivalente a un pisello (pea- size). Fino ai 6 anni è preferibile che sia uno dei genitori a dosare la quantità perché, essendo i dentifrici per bambini dolci e aromatizzati, i piccini sono portati ad abbondare e abusarne. Essendo la maggiore efficacia del fluoro quando a contatto diretto con le superfici dentali, sono consigliate,  in caso di predisposizione alla carie, applicazioni topiche di gel ad alta concentrazione  con apposite mascherine dal vostro dentista. Gli integratori fluorati devono essere prescritti dal pediatra nei casi di oggettiva difficoltà alla somministrazione topica di fluoro attraverso il dentifricio o come metodica di fluoroprofilassi aggiuntiva nei soggetti a rischio di carie. Fino all’età di 6 anni, pertanto, due possono essere le modalità di somministrazione.

Modalità 1 (dentifricio in dose pea-size):

dai 6 mesi ai 6 anni di età, la fluoroprofilassi può essere effettuata attraverso l’uso di un dentifricio contenente almeno 1000 ppm di fluoro, 2 volte al giorno, in dose pea-size.

 

Modalità 2 (integratori, dopo valutazione dell’assunzione di fluoro da altre fonti):

nei casi di oggettiva difficoltà all’uso del dentifricio come unica metodica di fluoroprofilassi e nei soggetti ad alto rischio di carie come metodica aggiuntiva all’uso del dentifricio:

- da 6 mesi ai 3 anni: somministrare 0,25 mg/die di fluoro con gocce;

- da 3 a 6 anni: somministrare 0,50 mg/die di fluoro con gocce o

pastiglie.

 

 

Dopo i 6 anni la fluoroprofilassi viene effettuata attraverso l’uso di un dentifricio contenente una quantità pari almeno a 1000 ppm di fluoro, 2 volte al giorno.

 

Ogni quanto portare il bambino dal dentista?
È consigliata una visita ogni 6 mesi per tenere sotto controllo eventuali carie. Durante la prima visita il dentista non farà molto, mostrerà solo al bimbo come usare la sedie, illuminerà la bocca con la luce speciale e conterà i denti. Per  sfatare la paura del dentista, si può preparare il piccolo leggendo insieme una storia per bambini specifica, come “Oggi si va dal dentista”, che lo aiuterebbe a superare le sue paure.

Cos'è la sigillatura dei denti?

Arma importante, dopo l’eruzione dei molari definitivi, è la sigillatura dei solchi. È un trattamento che viene eseguito dal dentista attorno ai 6 – 7 anni di età: nei solchi dei molari permanenti, che insorgono appunto a questa età, viene applicata una sorta di “resina” completamente atossica che si indurisce fino a formare una robusta protezione nelle zone più aggredibili dai processi cariogeni. Questo trattamento, assieme all’assunzione del fluoro e alla pulizia corretta, sono le tre armi indispensabile per la salute dei denti.

 

 

 

Photo Credit: SmartSantander via Compfight cc Photo Credit: drdarrinhirt via Compfight cc