Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

Studio Dentistico Protesi Parodontologia Implantologia Ortodonzia

Paradontologia

Si occupa della cura della struttura di sostegno dei denti, il parodonto, costituito dalla gengiva e da tessuti profondi (osso alveolare, cemento radicolare, legamento parodontale).

La malattia parodontale  o parodontopatia, una volta conosciuta come piorrea, è una malattia infiammatoria che colpisce il parodonto ed è causata dai microrganismi della placca batterica. Se non curata, l'infezione procede in profondità: la gengiva si stacca dal dente creando tasche in cui i batteri si accumulano, l'osso viene distrutto finché i denti, perdendo supporto, diventano mobili.

La malattia è spesso asintomatica, per questo motivo è importante sottoporsi a visite di controllo regolari affinché il dentista possa intervenire tempestivamente e non bisogna quindi aspettare i sintomi tipici della malattia avanzata come la mobilità dei denti.
Segnali che possono far sospettare la presenza della malattia sono:
- gengive che sanguinano spazzolando i denti o mangiando cibi duri
- gengive arrossate, gonfie e retratte in tutta la bocca o solo su alcuni denti.

La malattia parodontale non va curata solo per preservare la salute dei denti ma anche per la salute generale dell'organismo, infatti i batteri che determinano la malattia possono, attraverso il circolo sanguigno, infettare altri distretti ed essere co-responsabili di più gravi eventi patologici: aumento degli indici glicemici, ictus, parti pretermine e varie patologie polmonari.

I trattamenti parodontali finalizzati alla cura della malattia possono essere di tipo chirurgico (sollevamenti di lembi gengivali, associati o meno all'uso di prodotti rigenerativi) o non chirurgico ( levigatura delle radici) a seconda dello specifico quadro clinico.
L'obiettivo comune rimane sempre la rimozione di placca e tartaro dalle superfici dentali, sopra e sotto gengivale, in associazione alla rimozione di fattori irritanti locali ( per esempio restauri incongrui) e abitudini viziate quali il fumo.
Fa parte della parodontologia anche la cura delle recessioni gengivali, quando cioè avviene la retrazione del margine gengivale a livello dei colletti dei denti, di solito in seguito ad un errato spazzolamento con conseguente traumatismo dei tessuti. La terapia della recessione è chirurgica e consiste nello spostare i tessuti verso il margine incisale dei denti fino a coprire la recessione, e, quando necessario, aumentare lo spessore delle gengive per evitare recidive.