0523 756665

Endodonzia

L’endodonzia è il settore della odontoiatria che studia l’endodonto, ovvero lo spazio interno del dente occupato dal cosiddetto tessuto pulpare, comunemente chiamato il nervo del dente.

L’endodonzia si rende necessaria ogni qualvolta vi sia una compromissione del tessuto pulpare, per attacco carioso in profondità o per lesione traumatica, per esempio a seguito di una frattura o scheggiatura del dente. Una compromissione tale da pregiudicare ogni tentativo di mantenimento della vitalità del dente oppure qualora la polpa dentale sia già andata incontro a necrosi con o senza manifestazioni dolorose.

È possibile, inoltre, ricorrere a questa metodica qualora l’elemento dentario debba essere coinvolto in riabilitazioni protesiche che, a causa della notevole riduzione di tessuto dentale stesso, determinerebbero un’alterazione pulpare irreversibile.

Il trattamento endodontico, meglio conosciuto come devitalizzazione del dente implica la rimozione della polpa dentaria (nervo dentale) infetta o infiammata in maniera irreversibile sia all’interno del dente sia in tutta la lunghezza delle radici. La polpa viene quindi sostituita con un’otturazione permanente non prima di aver ripulito e sagomato i canali radicolari.